mercoledì 26 marzo 2014

“Arte Impresa ed Economia: Il caso Wurth”, un altro successo di M4U



Lunedì 24 Marzo, un nuovo boom di presenze nell’Aula V della Facoltà di Economia La Sapienza.
Questa volta, l’associazione studentesca Marketing Association For Universities ha portato in mezzo agli studenti niente di meno che il Dottor Piazza, AD della Wurth Italia (sede italiana della nota società tedesca di prodotti da ferramenta per uso industriale ed artigianale); la Dottoressa Cieri Via, nota storica dell’Arte; la Dottoressa Fedeli, docente di Scienze delle Finanze presso la facoltà di Economia La Sapienza e Marta Maria Montella, ricercatrice del Dipartimento di Management.
L’evento si è aperto con un apprezzatissimo intervento del preside, Giuseppe Ciccarone che, come in occasione dell’evento precedente, ha mostrato tutto il proprio supporto verso le iniziative di M4U.



A seguire, un interessante panoramica tenuta dalla storica dell’arte, la Dottoressa Cieri Via, sulla nascita del mecenatismo a partire dal ‘400 (con particolare attenzione, quindi, sulla correlazione tra arte e business e tra arte e politica).
Il discorso si è poi spostato su tematiche più attuali, come l’impegno artistico delle imprese ed il conflitto che si viene a creare tra Pubblico e privato quando l’oggetto di un contratto è un’opera d’arte.

Aperta così la strada alla presentazione del caso Wurth, è seguito l’intervento del Dottor Piazza, AD della Wurth Italia, che ha illustrato agli studenti presenti la Mission e la Vision aziendale dell’azienda tedesca, soffermandosi in particolar modo sugli interessi sociali e di mecenatismo della stessa.



L’azienda è infatti nota per aver investito molto in opere d’arte, ristrutturazioni, creazioni e gestioni di gallerie d’arte: veri e propri musei integrati nella struttura aziendale ed accessibili sia ai collaboratori interni che ai visitatori esterni.



Un mecenatismo, quello della Wurth, motivato dall’interesse per l’arte, quanto da fini di comunicazione, marketing ed investimenti finanziari.
Una citazione significativa riportata dal Dottor Piazza durante il proprio discorso, è quella di Bettina Wurth:

“Grazie alla creatività di mio padre, oggi l'arte è parte integrante della nostra identità"




A seguire, l’intervento della Dottoressa Fedeli, incentrato in particolare sulle normative italiane in materia di contratti di mecenatismo.

“La normativa italiana non incentiva l'investimento in arte, che invece andrebbe stimolato in mancanza di fondi pubblici.”



Penultimo intervento quello di Marta Maria Montella, ricercatrice del Dipartimento di Management: si è trattato di un’interessante sintesi di uno studio sulle varie tipologie e categorie di musei di impresa, sulle loro caratteristiche ed utilità.

“I benefici di un museo di impresa, possono essere Benefici di Mercato (marketing esterno) e Benefici Organizzativi (internal marketing)



Ciliegina sulla torta, il discorso del nostro Presidente, Simone Ridolfi, sul tema: “Cos’è e come nasce un’icona d’arte”; un argomento che – i nostri follower lo sanno – abbiamo spesso trattato nel nostro Blog (potrete recuperare i post tramite il tag Arte&Marketing).

Il seminario si è concluso con un saluto da parte del Preside Giuseppe Ciccarone e con un rumoroso applauso da parte dei tanti studenti presenti.
Un altro grande successo firmato M4U.

Grazie a tutti,
il Team.





Nessun commento:

Posta un commento